Abate Nero Trentodoc “Cuvèe dell’Abate” Riserva 2008

Informazioni

  • Azienda: Abate Nero
  • Regione: TRENTINO ALTO ADIGE
  • Provincia: Trento
  • Luogo: Gardolo
  • Telefono: 0461246566
  • E-mail: spumante@abatenero.it
  • Sito a: www.abatenero.it

Votazioni chiuse

4.4/563 ratings

COD: 469aea6cfcfe Categoria:

Abate Nero, che nel nome evoca la figura dell’abate francese ritenuto il “papà” dello Champagne, nasce agli inizi degli anni ’70 dall’impegno di alcuni amici tra cui Eugenio de Castel Terlago e Luciano Lunelli, tutti legati al comparto agronomico e del vino, decisi ad elaborare delle “bollicine” sempre e più singolari, buone, prestigiose. La prima cuvée è assemblata quasi per gioco nel 1973, per provare l’ebbrezza di far rivivere un vino in bottiglia: già dalle prime sboccature, risalenti al 1976, è stato un successo. Da oltre quarant’anni produzione artigianale (produzione annuale di circa 65.000 bottiglie), rispettosa dei dettami della spumantistica classica, massima cura di ogni fase, a partire dalla scelta dei lieviti e dal taglio delle cuvée di base, quelle che consentiranno al vino di rifermentare lentissimamente in bottiglia e trasformarsi in Abate Nero. La pazienza qui è di casa, il vino riposa sui lieviti per la presa di spuma molto più a lungo del solito. Non stupitevi, dunque, se in etichetta trovate date che risalgono a vendemmie di qualche lustro addietro. Ogni fase è manuale, per un controllo diretto di ogni singola bottiglia: solo in questo modo Abate Nero raggiunge il suo fascino. Il prodotto più prestigioso della casa, “l’Abate Nero” per antonomasia. Spumante Classico Trentodoc Brut Riserva di eccezionale stoffa e struttura è il suggello ideale delle grandi occasioni.

Vitigno:Chardonnay. Colore: giallo paglierino brillante con riflessi dorati. Perlage finissimo e persistente. Profumo: di straordinaria complessità in cui le note floreali di tiglio e biancospino sono accompagnate da sentori di frutta matura, frutta secca, miele e leggere tostature, il tutto avvolto in una piacevolissima sensazione di pane appena sfornato. Gusto: intenso e persistente, riempie il palato con sensazioni di straordinaria complessità evolutiva, dalla frutta matura alla crosta di pane, dalle note agrumate ai delicatissimi toni vanigliati. Abbinamenti: gli oltre 80 mesi di affinamento sui lieviti conferiscono a questo vino un’evoluzione che ne permette l’abbinamento ai piatti più importanti e dai sapori più decisi, sia di terra che di mare. Per queste sue caratteristiche è ottimo anche bevuto da solo, magari in un calice un po’ più ampio al fine di apprezzarne meglio la sua straordinaria complessità gusto-olfattiva.